PHPBBIntegrare PHPBB PHPFunzioni PHP CFunzioni C EcologiaLa mia ecologia   Chi siamoChi è Senamion HomeHome page corner Il Web e l'ecologia

Senamion


Chi siamo:

Il web e l'ecologia, condividere il web e un momento di riflessione sullo stato dell'ecologia e sul suo futuro

Google

La più grande centrale ad idrogeno del mondo, in Italia!

23 Ottobre 2006 by Giovanni | Argomenti: none | 11434

Così, chiacchierando da un cliente, ho scoperto che l’enel sta costruendo la più grande centrale ad idrogeno del mondo.
Interessante vero?

Sembra che entrerà in funzione nel 2007 a Marghera e sfrutterà l’idrogeno disponibile come sottoprodotto delle lavorazioni del polo industriale di Marghera. In una seconda fase l’idrogeno sarà estratto dal carbone con un processo di gassificazione.
E’ evidente che il grosso vantaggio è lo sfruttamento dei sottoprodotti di lavorazione, facendo diventare combustibile uno scarto, quindi ottenendo un doppio vantaggio: produzione di energia e riduzione degli scarti di lavorazione.
La centrale sarà di 20 MegaWatt, quindi molto piccola rispetto ad altre centrali ENEL, però sembra un passo concreto verso l’energia pulita.

Però, non so, non tutto mi è chiaro. Come mai è così poco pubblicizzato un passo molto importante verso un’era più pulita? E’ solo un problema di marketing?
Oppure ci sono controindicazioni?

Pubblicato in La mia ecologia |

13 Commenti a “La più grande centrale ad idrogeno del mondo, in Italia!”

  1. andrea scrive:

    Sarebbe ora che ci si muovesse in questa direzione.Anzi dirò di piùbisognerebe che ci fossero dei concreti incentivi a chi crea delle mini centrali ad idrogeno ( case singole condomini,Ospedali, scuole, caserme,etc,etc)che potrebbero essere utilizzate per creare dei network di energia pulita.
    Leggete L’era del’idrogeno di Jeremy Rifkin.
    Ciao a tutti

  2. Giovanni scrive:

    Sull’idrogeno le notizie sono molto contrastanti. Sono sicuro che non buttare l’idrogeno e renderlo disponibile come energia elettrica sia sicuramente positivo, meno sicuro che l’idrogeno sia la soluzione.
    Prova a leggere qua:
    http://www.ecofantascienza.it/auto/compressa_idrogeno.html

  3. ADRIANO scrive:

    Stando al titolo sembrerebbe un impianto mega-galattico!il piu grande del mondo!!
    20 mega watt vanno bene piuttosto che buttarli via ma sono un niente per un paese come il nostro.
    Una centrale grande produce almeno 1000 megawatt;
    ecco perche’ secondo me centrali eoliche o solari sono soltanto specchietti per allodole.Certo non risolvono il problema dell’energia a basso costo e in grandi quantita’

  4. Giovanni scrive:

    Adriano hai pienamente ragione, sfortunatamente sarà davvero la centrale (ad idrogeno) più grande del mondo. Ho scritto anch’io che in realtà è molto molto piccola.
    Diciamo che è importante il passo fatto, la direzione presa.

  5. anselmo scrive:

    per questa centrale l’idrogeno è utilizzato come combustibile per azionare una turbina, quindi una soluzione quasi tradizionale. La BMW, invece, ha realizzato una vettura, che da anni in circolazione su strada, è alimentata con energia elettrica prodotta da celle ad idrogeno. Non è che l’ENEL ha sbagliato progetto??

  6. nicola scrive:

    Non si può paragonare un’auto con un impianto di produzione dell’energia elettrica, per le differenti potenze in gioco, e perchè da una parte abbiamo un motore, che in uscita da energia meccanica, e dall’altra un generatore da cui esce energia elettrica. Comunque è vero che lo sfruttamento più “pulito” è con celle a combustibile (fuel cell). Sulla questione dei 20 MW di potenza: è vero che le centrali tradizionali sono di taglia superiore (600/800 MW per vari impianti turbogas costruiti ultimamente in Italia), ma è anche vero che sono molto più inquinanti (ammesso che l’idrogeno sia sempre un prodotto di scarto disponibile e non debba essere prodotto ad hoc, ad esempio dal metano, con un costo energetico e produzione di inquinanti che mette in dubbio la convenienzza dell’operazione). Il futuro è nella realizzazione di tanti impianti piccoli da fonti rinnovabili per soddisfare le richieste di energia delle comunità locali, affiancati da pochi impianti di grossa taglia. Purtroppo rivoluzionare uno schema centralizzato e consolidato è difficilissimo soprattutto se va a toccare gli interessi di chi si è arricchito enormemente con gli attuali sistemi e vuole continuare a farlo.

  7. Spike scrive:

    Buongiorno . Secondo me vi è un errore di fondo sulla questione idrogeno: vista la sua enorme energia repressa può benissimo essere utilizzato come un gas normalissimo senza alcun bisogno di convertirlo in energie elettrica che a sua volta viene ri-convertita in energia meccanica…tutto ciò è estremamente dispersivo e inutile…una volta si usavano persino i cannelli a idrogeno per saldare metalli…il discorso prende piede sulla questione INTERESSI PETROLIFICI che adesso e nei prossimi 30 anni farà del mondo ciò che vuole.
    grazie

  8. Francesco scrive:

    eccoli qui. come immaginavo tutti gli ambientalisti osannanti verso il mito dell’idrogeno, dopo aver bloccato ogni cosa sensata in campo energetico in italia arrivando a mettere le bombe sui piloni dei generatori eolici (in sardegna) ora scoprono la pietra filosofale dell’idrogeno per alimentare le centali.
    Che assurdità il processo di produzione per gassificazione dal carbone ha un rendimento di circa il 40% vuol dire che per produrlo si deve bruciare più del doppio di carbone per ottenere la stessa quantità di energia…come dire che alla fine si inquina il doppio. Avremo mai la possibilità in questo paese di fare le cose in maniera sensata e non demagogica?

  9. Giovanni scrive:

    Francesco, non so se il tuo commento è relativo al mio post, se si evidentemente non l’hai letto in quanto qua si parla di idrogeno ricavato dagli scarti industriali del polo di Marghera.

  10. Simone scrive:

    Ciao ragazzi…
    Mi chiamo Simone, ho 19 anni e sono di Milano…
    Idrogeno “si” o idrogeno “no”, ho deciso di arrangiarmi da solo… mi sto costruendo un impianto fai da tè…. so che incotrerò un po’ di ostacoli a realizzarlo, ma la voglia, le capacità non mi mankano e con schemi che possiedo per la realizzazione lo completerò….
    p.s sapete come produrre energia “corrente elettrica” senza limiti e altri sistemi tipo l’utilizzo del vento, acqua, pannelli solari e cose varie…!? E’ davvero una cosa banale e semplice…. ci sono arrivato ho creato degli schemi e fra poco lo metterò in atto…. sento che la cosa funzionerà….

  11. gino pani scrive:

    l’unica legge che governa l’universo è quella della termodinamica con i suoi 3 principi.
    La entropia aumenta e tende all’infinito.

  12. Roberto scrive:

    La lettera apparsa sul manifesto ha dell\\\’incredibile, soprattutto perché scritta da scienziati; come ha dell\\\’incredibile il modo in cui l\\\’Enel spende i soldi per l\\\’idrogeno.
    L\\\’idrogeno è realmente la più grande fonte di energia del futuro. L\\\’unica cosa da fare è investire belle somme di denaro pubblico in un grande progetto di ricerca in ingegneria energetica per mettere a punto un modello efficiente di sfruttamento dell\\\’idrogeno.
    La produzione di idrogeno puro per la combustione richiede una certa quantità di energia, è vero; perciò quel che va fatto - e si può fare - è lavorare alla progettazione di un sistema pulito per fornire questa energia al processo di combustione. L\\\’Italia ha fior di ingengneri, è semplicemente ridicolo pensare che non vi si possa riuscire. Questa ricerca però NON VIENE FINANZIATA.
    Perché non si può realizzare un sistema di combustione dell\\\’idrogeno a ciclo continuo? Serve solo un po\\\’ di energia iniziale per produrre l\\\’idrogeno necessario ad avviare la combustione, dopodiché l\\\’idrogeno libero necessario per proseguire la combustione si ottiene dalla combustione stessa, dato che l\\\’energia che la combustione produce è ben superiore a quella che utilizza.
    Suvvia, non facciamoci prendere in giro!
    Attenti tutti, l\\\’idrogeno non parte seriamente perchè NON DEVE partire seriamente. Non credete ai disfattisti, c\\\’è un movimento d\\\’opinione al servizio dei grandi potenti del pianeta che è contrario all\\\’idrogeno. Ma prima o poi l\\\’energia sarà free e allora arabi, statunitensi e russi dovranno rivedere seriamente i loro programmi di dominio mondiale.
    Diffondete la \\

  13. giancarlo scrive:

    penso che bisogna rifletere sul nucleare e ingestibile.mentre io credo che mirare sul idrogeno perche le emissioni sono assolutamente non inquinanti sapiamo bene che l\\\\\\\\\\\\\\\’unione dell\\\\\\\\\\\\\\\’idrogeno e dell\\\\\\\\\\\\\\\’ossigeno da luogo nuovamente all\\\\\\\\\\\\\\\’acqua h2o liberando energia pronta per l\\\\\\\\\\\\\\\’uso sul processo sono basate le celle a combustibile (dette fuel cell>)tratando aqua calda e vapore acqueo . tecnologia full cell puo essere utilizzata sia per le auto e i trasporti che per la produzione di energia eletrica

Scrivi un commento