PHPBBIntegrare PHPBB PHPFunzioni PHP CFunzioni C EcologiaLa mia ecologia   Chi siamoChi è Senamion HomeHome page corner Il Web e l'ecologia

Senamion


Chi siamo:

Il web e l'ecologia, condividere il web e un momento di riflessione sullo stato dell'ecologia e sul suo futuro

Google

L’indipendenza energetica è utopia?

31 Gennaio 2007 by Giovanni | Argomenti: , , , | 3638

Leggo su un dossier pubblicato sul numero 111 di Ambiente Risorse Salute dal titolo: “L’indipendenza energetica potrà ridurre le emissioni di gas serra” che è stato predisposto un progetto per sostituire, negli Stati Uniti, fino al 98% del fabbisogno totale di combustibili fossili. Il piano progettato da Reuel Shinnar e Francesco Citro del Clean Fuel Institute (City College of New York) sarebbe attuabile nell’arco di 30 / 50 anni e si basa esclusivamente su tecnologie consolidate e già disponibili, premesse che permettono di ritenere che non sia un piano campato in aria.
Vediamo un po’ meglio su cosa si basa il piano, che, lo ricordiamo, è pensato solo per gli Stati Uniti:

  • sostituzione del 72% dei consumi di combustibili fossili con energia elettrica da fonti alternative
  • sostituzione del 26% dei consumi di combustibili fossili con idrocarburi provenienti da gas di sinstesi
  • il restante 2% sarebbe ancora coperto dai “classici” combustibili fossili

Le tempistiche, per quanto lunghe, sembrano molto concrete:

  • raggiungere entro 30 anni il 70% dell’obiettivo
  • raggiungere entro 50 anni il 90% dell’obiettivo

In pratica sembra tutto relativamente semplice. I tempi sono lunghi ma la possibilità è concreta. Oltretutto con le attuali conoscenze, quindi nel caso la tecnologia riuscisse a migliorare il rendimento delle energie alternative (o a trovarne di nuove ed efficaci) il piano sarebbe ancora più facilmente attuabile.
Cosa manca in tutto questo? Perchè non provare a perseguirlo? Dove sono le difficoltà?
Pensate che la stessa cosa non sarebbe applicabile in altri paesi? Non sarebbe applicabile in Italia?

Pubblicato in La mia ecologia |

Scrivi un commento