PHPBBIntegrare PHPBB PHPFunzioni PHP CFunzioni C EcologiaLa mia ecologia   Chi siamoChi è Senamion HomeHome page corner Il Web e l'ecologia

Senamion


Chi siamo:

Il web e l'ecologia, condividere il web e un momento di riflessione sullo stato dell'ecologia e sul suo futuro

Google

Chi siamo

29 Maggio 2006 by Giovanni | Argomenti: none |

Lavorando da anni nell’ambiente informatico ci si rende conto di quanto sia importante condividere le informazioni. Condividere le informazioni significa infatti ottenere facilmente informazioni quando ci servono “pagando” a nostra volta con ciò che conosciamo meglio.
A volte mi stupisco di quanto la Banca del Tempo si sia sviluppata autonomamente (e molto più diffusamente) su internet rispetto che “nella vita reale”.
Forse per la semplicità con cui avviene lo scambio del tempo, forse perchè chi da’ il suo tempo non chiede niente in cambio da chi lo riceve che si trova stimolato a contraccambiare la rete nel suo insieme più che la singola persona.

Ma alla fine il risultato è questo: dare informazioni per riceverne altre.

Un po’ come quel proverbio che non ricordo bene che dice che se tu insegni una cosa questa si raddoppia.

Pubblicato in Articoli |

28 Commenti a “Chi siamo”

  1. brug71 scrive:

    Scuami ma volevo capire chi siete appunto nell’articolo chi siamo, ma non ho capito comunque, intanto mi pare di più un “chi sono”….
    Nell’articolo chi siamo di solito ci trovo la “mission” che mi consente prima ancora di sfogliare il sito di comprendere se farlo o meno… Mi sembra di capire che la “mission” sia quella di condividere… Ok! Perchè qui è non da un’altra parte?

  2. Giovanni scrive:

    Hai ragione. Questo “chi siamo” è stato messo un po’ così all’inizio e perduto nelle nebbie. Cercherò di rimediare.

  3. Gigi scrive:

    forse è meglio così

  4. paolo dallai scrive:

    salve ho trovato il vostro sito molto utile evorrei fare una domanda:di quale documentazione ho bisogno per avere la detrazine del 55% sull’installazione di pannelli solari termici e dove posso eventualmente reperirla (anche siti web) ringraziandoVi anticipatamente saluti Dallai Paolo

  5. Giovanni scrive:

    In questo articolo viene spiegato come ottenere la detrazione IRPEF, compreso il link alla documentazione da spedire a Pescara.

  6. SIMONE scrive:

    BUONASERA, VOLEVO PORRE UN QUESITO.
    POSTO CHE BISOGNA ASPETTARE I DECRETI ATTUATIVI PER LE DETRAZIONI DEL 55% PREVISTI DALLA FINANZIARIA, IO MI TROVO IN QUESTA SITUAZIONE:
    HO INTENZIONE DI CAMBIARE DESTINAZIONE D’USO AD UN GRANAIO AL PRIMO PIANO DI UNA BARCHESSA, ACCATASTATA COME FABBRICATO RURALE. IL COMUNE MI DA’ LA POSSIBILITA’ DI RICAVARE LA MIA “PRIMA CASA” NEL GRANAIO.
    ORA IO MI CHIEDO: I PLAFOND PREVISTI DALLA FINANZIARIA RIGUARDANO SOLO CASE ACCATASTATE COME TALI E GIA’ ESISTENTI, OPPURE LA MIA SITUAZIONE VA VISTA NELL’OTTICA DELLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI UN FABBRICATO COMUNQUE GIA’ ESISTENTE?
    SE LA RISPOSTA E’ NEGATIVA, MI TROVEREI AD ESSERE ESTRANEO A TUTTE LE FATTISPECIE PREVISTE (VISTO CHE LA CUBATURA DEL FABBRICATO NON SUPERA CERTAMENTE I 1000 MQ!!!)
    VI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE PER LA VS.RISPOSTA.
    CORDIALI SALUTI
    SIMONE

  7. Giovanni scrive:

    La legge parla di edifici esistenti, riterrei che sia valida anche nel vostro caso. Anche in questo caso credo convenga attendere il decreto attuattivo che dovrebbe chiarire un po’ di dubbi.
    Riguardo i nuovi fabbricati vorrei far notare che si parla di 10.000 e non 1.000 e di metri cubi e non metri quadri.

  8. Fabio scrive:

    In questa pagina ho riassunto tutti gli accorgimenti che permettono di non danneggiare l’ambiente e di risparmiare un pò di soldi.

    http://web.tiscali.it/ilenialazzarin/Ecologia/Ambiente.html

    Spero possano essere utili.

    Ciao e complimenti per il blog.

  9. luca scrive:

    sto per fare una abitazione con l’intelaiatura portante in legno casa fatta in biodeilizia ed ad alto riaprmio energetico ,infissi ad alta tenuta termica etcc…Volevo chiedervi se e’ possibile beneficiare delle detrazioni fiscali in vigore con la nuova finanziaria e a chi dovra’ essere presentata la domanda
    grazie ciao

  10. Giovanni scrive:

    Sfortunatamente la nuova finanziaria agevola in particolar modo le ristrutturazioni. Per le nuove costruzione c’è un capitolo apposito ma riguarda cubature superiori ai 10.000 mc.
    Per cui rimane solo la possibilità di detrarre al 55% in 3 anni i pannelli solari, se pensava di inserirli nella sua nuova casa.

  11. asterix scrive:

    Sto ristrutturando casa (dia gennaio 2006; inizio lavori agosto 2006).Ho beneficiato del regime iva al 10% per quanto riguarda le fatture emesse dalla ditta costruttrice. Mi chiedo se ho diritto al 10% anche per la ditta che mi mettera’ il parquet e che mi farà le scale rivestite in legno: il parquettista mi ha detto di si anche perché loro sono artigiani e quindi possono applicare diversi regimi di iva, purchè sussistano i requisiti, a differenza di chi commercializza il parquet. Inoltre, posso beneficiare dell’agevolazione anche per gli infissi interni ed esterni e per le porte interne?

  12. Giovanni scrive:

    Sicuramente per gli infissi può beneficiare della detrazione al 55% in 3 anni. Per le altre domande le consiglio di chiedere direttamente all’agenzia delle entrate.

  13. valentina scrive:

    salve..il mio fidanzato sta acquistando una casa e dovrà effettuare molti lavori di ristrutturazione tra cui imp.elettr, idraulici, bagno, serramenti int ed est e via discorrendo.
    volevo sapere cosa dobbiamo fare per usufruire delle detrazioni e se siamo obbligati a comunicare il dia e pagare l’eventuale geometra o chi per lui..
    Per usufruire delle detraz per il risp. energetico per cio che riguarda i serramenti non si può evitare di fare il dia?
    cosa ci consiglia di fare?
    grazie

  14. Giovanni scrive:

    Dipende dal tipo e dal materiale del serramento. Credo comunque che se volete usufruire della detrazione del 55% dovrete affidarvi ad un tecnico, anche solo per la certificazione energetica.
    Chiaramente bagno e impianto elettrico non rientrano nelle detrazioni al 55% in 3 anni ma in quelle al 36% in 10 anni.

  15. valentina scrive:

    la certificazione energetica ce la rilascerà il negozio di serramenti..ma quello che interessava a me e se obbligatoriamente devo far eseguire il dia..o dovrò presentare solo la fattura del cambio serramenti presso l’agenzia delle entrate..o a qualcun’altro..
    grazie

  16. Giovanni scrive:

    Ripeto, dipende dal fatto se vengono cambiati o meno i meteriali ed i colori. E’ sicura che la ditta di serramenti le rilascerà la certificazione energetica? Non è, normalmente, loro compito. Di solito si limitano a certificare il livello di trasmittanza termica.

  17. filippo scrive:

    Vorrei installare nuove finestre comprensivi di infissi. La finanziaria 2007 (art.345)rimandanda alla tabella 3 dove esistono delle classificazione delle zone climatiche (A,B,C,D,E).
    Come faccio a capire a quale zona climatica appartengo?
    Grazie

  18. Giovanni scrive:

    Ecco una tabella delle zone climatiche.

  19. sara scrive:

    ciao.. ho un quesito.. ho ampliato la prima casa (non di lusso) ed ho usufruito dell’iva al 4% su impresa edile,idraulico ed elettricista.
    posso chiedere anche al geometra che mi ha seguito presentanto DIA PERMESSI AMBIENTALI ECC ECC l’iva al 4%?
    grazie

  20. Giovanni scrive:

    Mi spiace ma non so risponderle.

  21. rosanna scrive:

    lavoro presso una ditta che installa condizionatori e da 15 girni tutti chiedono informazioni su questa famosa detrazione del 55% in tre anni. Si possono detrarre le spese per un impianto di condizionamento inverter in pompa di calore in classe A per il risparmio energetico? nessuno a saputo rispondere a questa domanda, nemmeno l’ufficio delle entrate. Potete aiutarmi? Vi ringrazio anticipatamente

  22. Giovanni scrive:

    No, sia la legge che il decreto parlano esclusivamente di caldaie a condensazione.

  23. giusto marucco scrive:

    Devo acquistare un frigorifero di classe A+. Sto aspettando i decreti attuativi che avrebbero dovuto essere pubblicati entro la fine di febbraio.Nel frattempo i commercianti si sono attivati, chi preparando delle dichiarazioni transitorie valide ai fini fiscali, chi annota sulla fatura lo smaltimento dell’elettrodomestico vecchio . Chiedo se dette modalità possono essere considerate valide o se consigliate di attendere. Quanto ??

    grazie

  24. Giovanni scrive:

    Credo che siano sufficienti i dati dei commercianti e non so neanche se verrà fatto un decreto attuativo per l’argomento che in se’ non è molto complesso.

  25. vanzetto matteo scrive:

    Nelle varie lettere inviate si parla sempre di ristrutturazione, il mio caso è di un AMPLIAMENTO di abitazione dove ne ricaverò un’ altra abitazione, la parte “di nuova costruzione”, dopo essere rientrato nei limiti imposti dalla legge delle varie tabelle allegate per limite di U e di infissi ecc ecc posso utilizzare i commi 344-345-346-347 per la detrazione fiscale?
    Posso ancora utilizzare poi l’Iva al 10%?
    Ed in più quanto è il costo delle spese professionali?
    La ringrazio fin da adesso, Matteo

  26. Giovanni scrive:

    In questi casi consiglio di ottenere una risposta direttamente dall’Agenzia delle Entrate.
    Anche per l’IVA sembra che l’Agenzia abbia risposto ad un utente dicendo che non si può usufruire dell’IVA agevolata e contemporanemante del 55%.
    Per le spese professionali, in particolare per la certificazione energetica, non c’è un costo fisso. Nell’articolo corrispondente alla certificazione energetica due tecnici hanno dato due risposte molto diverse (anche tecnicamente), uno ha risposto 50 centesimi a metro cubo, un altro il 10% dell’importo di cui si chiede la detrazione.

  27. silvia scrive:

    Salve, avrei una domanda circa le finestre. Vorrei usufruire della detrazione del 55% ma non so se sulla fattura e/o sul bonifico bancario si debba indicare il riferimento alla finanziaria o altro. Potete darmi una mano?

    Grazie

  28. Giovanni scrive:

    Si, vanno indicati i riferimenti della legge, legga il capitolo “adempimenti” del decreto attuativo.